Home Tabella categoria Sostituzione DSGA

Contatore visite

Contatore sito

Chi è online

 127 visitatori online

2.159 Utenti

Benvenuto ai nuovi utenti
pompea, BIAGIO, Annams, MARCONI, Michela54

Login

L'accesso abilita al forum anche IN SCRITTURA



LA REGISTRAZIONE DI NUOVI UTENTI E' GRATUITA: si prega di inviare un messaggio di posta elettronica a posta@liberodileo.it oppure
forum@liberodileo.it
indicando il nickname che si desidera utilizzare e l'assenso al trattamento dei propri dati personali ai sensi del GDPR in vigore dal 25/05/2018

Articoli correlati

WebMaster

Crea il tuo badge

Sostituzione DSGA PDF Stampa E-mail
Notizie - Ultime
Scritto da Administrator   
Venerdì 27 Maggio 2016 06:44


Sentenza n. 108 del 20/5/2016
Pubblico impiego – Dipendente MIUR - Attribuzione mansioni superiori di DSGA – Applicazione art. 1, commi 44 e 45, legge 228/2012 (Stabilità 2013) - Azzeramento del compenso

Segnalazione da U.O. Monitoraggio contratti e legale
La Corte dichiara l’illegittimità costituzionale del combinato disposto dei commi 44 e 45 art. 1 legge n. 228/2012 (Legge di stabilità per il 2013) nella parte in cui non esclude dalla sua applicazione i contratti di conferimento delle mansioni superiori di DSGA stipulati antecedentemente alla sua entrata in vigore. La ricorrente, dipendente amministrativa del MIUR, inquadrata nell’area B del CCNL Scuola come assistente amministrativa, nel settembre del 2012 stipulava, con il dirigente della scuola presso cui prestava servizio, un contratto a tempo determinato

nel quale le veniva attribuito per l’anno scolastico 2012-2013, l’incarico di DGSA e le veniva, pertanto, attribuita l’indennità di posizioni superiori. A seguito dell’entrata in vigore della legge di stabilità per l’anno 2013 la dipendente vedeva azzerato, a causa della sua anzianità di servizio (28 anni), la sua indennità di mansioni superiori, a fronte del permanere del suo obbligo allo svolgimento delle stesse. I giudici accolgono l’eccezione di incostituzionalità delle suddette norme, sollevata dal tribunale rimettente, per contrasto con l’art. 3 Cost., in particolare per quanto riguarda il profilo dell’affidamento e della ragionevolezza. Dicono i giudici: “…non è interdetto al legislatore di emanare disposizioni le quali modifichino sfavorevolmente la disciplina dei rapporti di durata, anche se il loro oggetto sia costituito da diritti soggettivi perfetti, salvo, quando si tratti di disposizioni retroattive, il limite costituzionale della materia penale. Dette disposizioni però, al pari di qualsiasi precetto legislativo, non possono trasmodare in un regolamento irrazionale e arbitrariamente incidere sulle situazioni sostanziali poste in essere da leggi precedenti, frustrando così anche l’affidamento del cittadino nella sicurezza giuridica, che costituisce elemento fondamentale ed indispensabile dello stato di diritto.”. 
Vai al documento

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 07 Luglio 2016 07:53
 

Segnalo che nel sito www.liberodileo.it sono presenti:  il blog rinnovato, le News sempre aggiornate, il FORUM e le FAQ di interesse per il personale amministrativo della scuola e una nuova raccolta di link molto ricca.  Puoi trovare mie notizie anche su Linkedin alla pagina http://it.linkedin.com/pub/libero-di-leo/5b/1a7/1b1 e su Google+ alla pagina https://plus.google.com/113554514956230137360/posts?hl=it


Copyright © 2018 liberodileo.it. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

Cerca con Google

News Studio Cataldi

News powered by
Logo studio Cataldi


Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information